Ubuntu 12.04 lts non parte interfaccia grafica e non accetta la password dopo aggiornamenti

Appunti Cerebrali, Ubuntu No Comments

Era da un po’ che non aggiornavo la mia 12.04 LTS. Solitamente quando una cosa funziona bene evito di aggiornarla perché puntualmente aggiornare significa incorrere in qualche fastidioso problema. “Ma scherzi devi sempre aggiornare!!!” …qualcuno direbbe. Infatti CVD (come volevasi dimostrare) quando si lascia fare tutto al sistema automatico di aggiornamenti dopo non parte più una mazza. Ebbene sì non avevo voglia di rimuovere prima i driver video ecc…

Nulla di trascendentale, però due palle… Vabe’ è la solita roba che capita quando si aggiorna il kernel. I driver video non vanno più e vanno aggiornati nuovamente e chissà cos’altro che per ora non voglio nemmeno sapere. In più questa volta non permetteva di entrare nella schermata di login grafico non appena ripristinato gdm.

Lo annoto qua perché magari anche ad altri capita la stessa cosa.

Quindi siamo al punto che Ubuntu parte, ma niente interfaccia grafica, solo la schermata di login testuale. Inutile provare a fare startx.

1 – Quindi loggatevi con il vostro utente e password.

2 – Rimuovete i driver video, nel mio caso driver AMD.

sudo sh /usr/share/ati/fglrx-unistall.sh
sudo apt-get remove --purge fglrx fglrx_* fglrx-amdcccle* fglrx-dev*

3 – Se volete fate un sudo reboot per riavviare altrimenti fate direttamente:

sudo apt-get install gdm
sudo dpkg-reconfigure gdm

Selezionate gdm quando ve lo chiederà

sudo reboot

4- Adesso dovrebbe tornare il vecchio login screen, ma nel mio caso anche inserendo la password il sistema non mi faceva entrare, perciò rientrate nel login testuale con ALT+CTRL+F2

a) c’è chi dice che basti ricreare la password con passwd

b) chi dice che bisogna reinstallare ubuntu-desktop

c) chi dice che bisogna modificare i permessi alla cartella tmp

… insomma nel mio caso ha funzionato solo rimuovendo il file .Xauthority digitando:

sudo rm /home/vostroutente/.Xauthority*
sudo reboot

Fatto ciò dovrebbe ripartire, ma c’è ancora il vecchio login grafico. Se volete ritornare a lightdm basterà rifare la parte iniziale, ma questa volta selezionerete lightdm invece di gdm.

sudo dpkg-reconfigure gdm

Fatto ciò è possibile scaricare e installare i driver AMD aggiornati da qui. Gli ultimi ad oggi sono i catalyst-14-9-linux-x86-x86-64

Non c’entra nulla, ma giusto per ricollegarsi al post precedente dei codec h265, su Ubuntu bisogna aggiungere un repository così:

sudo apt-add-repository ppa:strukturag/libde265
sudo apt-get update

e poi basterà installare i codec così, basta solo il primo a meno che usiate anche VLC:

sudo apt-get install gstreamer0.10-libde265
sudo apt-get install gstreamer1.0-libde265
sudo apt-get install vlc-plugin-libde265

Già che avete la console aperta… fatela fruttare :D

Mplayer per Windows e i video h264 e h265 opzione multicore

Appunti Cerebrali No Comments

mplayer_logoOrmai sono passati quattro anni dalla guida per usare Mplayer su Win e spero che molti abbiano adottato questo mitico lettore multimediale assolutamente essenziale e senza tanti fronzoli. Questo post vuole solo essere una piccola aggiunta che spiega come vedere i nuovi video con codec h264 e h265 che altrimenti non verrebbero visti oppure visti, ma a scatti.

La vecchia guida comunque è ancora valida ed è consultabile a questo indirizzo

Prima di tutto è sempre cosa buona e giusta aggiornare il player con l’ultima release disponibile qua (ognuno scelga quella opportuna):

scarica-mplayer

Dopo di che, si estrae il contenuto dove si vuole e si prepara il file config (vedere guida precedente). La nuova release ha già integrati i codecs per vedere i video codificati con H265 HEVC che ormai si stanno diffondendo moltissimo. Come sempre consiglio di creare un link all’interno della cartella “SEND TO” che trovate in C:\Users\vostroutente\AppData\Roaming\Microsoft\Windows\SendTo. In questo modo per vedere un video basterà cliccarci sopra con il tasto dx, invia a, mplayer.exe (o quello che vi pare come nome).

Nonostante ci siano già i codecs nuovi, il video risulterà a scatti e fuori sync. Perciò è FONDAMENTALE attivare il multicore (chiaramente chi ha un pc vecchiotto può scordarsi la codifica dei nuovi codec, ma già un dual core è sufficiente).

Perciò inserire il seguente parametro nel file config:

lavdopts=fast=1:threads=4

se avete un dual core basterà modificare threads=4 con threads=2, semplice, e chi ha un octacore metterà… 8. (mettere 8 core su un vecchio pc non farà la magia :D)

Aggiungete anche un bel:

noborder=1

che è sempre piacevole non vedere i bordi delle finestre.

Se volete fare gli screenshots dei video aggiungete anche (premere il tasto S durante la riproduzione, le foto verranno salvate nella stessa cartella del video):

vf=screenshot

Come parametro -vo è possibile usare lo stesso directx oppure il gl2 a scelta (quello senza # sarà quello utilizzato):

vo=directx
#vo=directx:noaccel
#vo=gl2

Salvate e chiudete. Ecco che il video si vedrà benissimo e fluido.

“Ma io sono pigro!!!”

Ecco se non avete voglia di fare nulla c’è sempre la versione con GUI (interfaccia grafica) scaricabile da qui:

scarica_smplayer

“Ma a me piace VLC!!!”

Beh anche a me piace VLC, ottimo player, ma Mplayer è veramente essenziale e nella versione con gui hanno inserito un browser per i video di Youtube e tante nuove opzioni. Continuo però a preferire quello base nudo e crudo ribadendo la comodità di usare la tastiera e il mouse, opportunamente configurati per gestire i video. Non servono centinaia di opzioni a video, serve che ci sia il video e basta.

Buon h265 a tutti!

p.s. se volete testare la fluidità con un video 1080p o 4K, ricordo che esiste il nostro caro Big Buck Bunny che è sempre pronto a fornirci tante ottime demo. Da scaricare al solito indirizzo.

Debian e Doudoulinux, la distribuzione Linux ideale per creare un computer sicuro per i bambini

Appunti Cerebrali No Comments

È successo per caso, recuperando vecchi portatili destinati alla discarica mi sono detto: perché gettarli, controlliamo se possono essere ancora sfruttati a dovere e magari dati a qualcuno che ne ha necessità.  Visto che sarebbero andati a dei bambini ho pensato di prepararli in modo sicuro e allora ho pensato: non è che esiste una bella distribuzione Linux pensata per i minori? Ho fatto delle ricerche e ho trovato 4 o 5 soluzioni, ma quella che mi ha subito colpito è stata Doudoulinux per via dei colori e delle icone assolutamente adatte ad un pubblico con età tra i 2 e i 10 anni, e oltre.

È incredibile come il mondo Linux sappia sempre sorprendere l’utente alla ricerca di Distro particolari. Durante i primi test ho scaricato la versione Live cd, l’ho anche installata seguendo la semplice procedura descritta nel sito, ma pur essendo soddisfatto delle funzionalità, non lo ero per quanto riguarda la possibilità di memorizzare i dati su disco nonostante avessi attivato la persistenza dei dati. Cercando meglio nel sito mi sono imbattuto in una guida che spiegava come crearsi una installazione basandosi su Debian preinstallata. Questa guida mi ha dato lo spunto e ho voluto provare la procedura, ho quindi deciso di farne una versione italiana con qualche modifica.

Ho provato a seguire la procedura, ma alcune parti mi hanno restituito degli errori, però il sistema funzionava tranne audio e rete. Tutto questo testato su un vecchio laptop Duron 800. Dopo innumerevoli tentativi di ripristinare lan e audio ho deciso di non perderci troppo tempo. Può essere che durante l’installazione di alcuni pacchetti qualcosa è andato storto oppure ho forzato qualche pacchetto per cercare di far combaciare alcuni passaggi della guida.

Allora ho riprovato su un altro laptop scassato però Pentium 4 con frequenza 2GHz, questa volta però annotando tutti i passaggi e le modifiche apportate. Queste annotazioni ho pensato di condividerle nel blog poiché il risultato è stato molto gratificante e sono certo che altri vorranno provare quanto sto per descrivere. Il risultato è un computer perfetto per dei bambini, sicuro, ricco di giochi intelligenti ed esercizi per avvicinarsi al computer senza rischi.

Perché Doudoulinux?

Per i vostri bambini, perché è un sistema sicuro, divertente, facile, libero. In questa guida tratterò l’installazione più complicata ovvero quella che come base utilizza una Debian pre-installata.

  • Internet sicuro e filtrato
  • Giochi per tutte le età
  • Funziona anche la tastiera midi M-audio senza installare nulla, attaccate e puf si apre il programma piano
  • Multilingua
  • Gratuito
  • Espandibile
  • Una soluzione che se ben configurata permette di avere un unico pc utilizzabile da grandi e piccini

Non è ancora completissimo, ma è una distro fantastica per tutti coloro che vogliono far avvicinare i propri figli al computer in tutta sicurezza.

… pensate che ho dovuto installare tutto senza poter usare la lettera O… il laptop recuperato purtroppo aveva qualche problema… un casino mostruoso, ma ci sono riuscito tra copia e incolla. Sia benedetto il tasto TAB che completa le parole.

Il laptop è diventato una console di intrattenimento per bambini quasi perfetta.

Data la lunghezza del post, lo spezzerò in più pagine (in fondo al post ci sono le pagine). I comandi all’interno delle zone rosate sono già pronti da copiare e incollare nel terminale. Alcuni comandi sembrano scritti su due righe, ma sono un’unica riga che va a capo a causa della dimensione ristretta del blog.

INDICE DELLA GUIDA

1 – Requisiti

2 – Installiamo Debian via rete (stable version, Squeeze)

FASE 1 – Partenza e scelta distribuzione

FASE 2 – Scaricamento componenti aggiuntivi

FASE 3 – Installare doudoulinux

FASE 4 – Installazione del sistema base


3 – Installiamo Doudoulinux via repository ufficiale

FASE 1 – Controllo della connessione

FASE 2 – Inserire i repositories di doudoulinux

FASE 3 – Installare doudoulinux

FASE 4 – Rendere multimediale doudoulinux (opzionale, ma consigliato)

FASE 5 – Aggiustamenti vari (work in progress)


4 – Installare lo splash screen di Doudoulinux (opzionale)

FASE 1 – Installare Plymouth per gestire gli splash screen

FASE 2 – Modificare le risoluzioni di Grub (se non dovesse bastare la Fase 1)


5- Problemi con i software inclusi

1- Tuxpaint – problema con il mouse e la risoluzione

2- Childsplay – problema con il mouse e la risoluzione

 

6- Aggiungere altri software al vostro Doudoulinux (Opzionale)

1- Libreoffice – una suite office completa per tutta la famiglia

 

Iniziamo con i:

1 – Requisiti

- un computer fisso o portatile, vecchio o nuovo non fa grande differenza anche se per far funzionare alcune applicazioni è consigliata una configurazione minima. Nel mio caso l’hardware minimo testato è stato un Amd Duron 800/900 MHz con 256MB Ram e un disco da 20 GB

- con la mia guida vi servirà scaricare una sola piccola iso, il resto verrà scaricato dai repository, dovrete scaricare e masterizzare NETBOOTCD, un software che permette di installare vari sistemi operativi direttamente da internet. Vi tornerà comodo sicuramente anche per altre installazioni. Si scarica da questo sito

http://netbootcd.tuxfamily.org/

Consiglio questo sistema anche perché nei vecchi pc laptop spesso il lettore cd/dvd non è più molto buono e potreste avere problemi di lettura del disco. Con questo sistema verranno letti solo pochi mega, il resto sarà scaricato via rete (CONDIZIONE NECESSARIA è il collegamento del vostro pc al router adsl tramite cavo lan tradizionale, router che dovrà assegnare automaticamente gli indirizzi IP – praticamente lo fanno tutti)

Download NetbootCD 5.0 (12 MiB) (md5)

- Un po’ di tempo e voglia di imparare qualcosa, non le solite installazioni passive nelle quali la più grande difficoltà è quella di cliccare avanti -> avanti -> avanti…

Masterizzate la iso con il programma che volete, se usate sistemi Windows consiglio l’ottimo IMGBURN

Pagina: 1 2 3 4

Page 1 of 3312345...102030...Last »